Via Monte Rosa 3 - Milano - MM1 Buonarroti - info@bellezzaearmonia.com - PER PRENOTAZIONI TELEFONARE AL NUMERO: 025278469

 

Massaggio Olistico Moderno: il Metodo Max Pier

INTRODUZIONE AL MASSAGGIO OLISTICO MODERNO

I Metodi massggio  moderni come quelli tradizionali attribuiscono un origine psicosomatica alle possibili problematiche che affliggono l’organismo. Considerano ogni emozione negativa, repressa, trattenuta o comunque non correttamente vissuta la cuasa degli squilibri metabolici che, se prolugati, si trasforma in somatizzazione.
Al centro di questo processo vi è il sistema nervoso centrale che attraverso i propri impulsi governa tutta la funzionalità organica.
Il massaggi olistici moderni agiscono su diverse aspetti, zone e a diversi livelli di profondità.

PRINCIPALI AREE DI INTERVENTO

  • livello cutaneo
  • livello linfatico
  • livello connettivale
  • livello tendineo-muscolare
  • livello articolare.

METODO GLOBALE MAX PIER

IL MASSAGGIO CONNETTIVALE

Elaborato sulla tecnica sviluppata dalla fisioterapista tedesca Elisabeth Dicke, il massaggio connettivale è una tecnica indispensabile sia in ambito estetico che terapeutico. Eseguendo questa tecnica  possiamo modificare i tessuti che hanno subito delle alterazioni, creando spazio per migliorare la regolazione meccanica del flusso sanguigno e quindi migliorare anche la liberazione di sostanze specifiche del corpo, permettendo una migliore pulizia e un miglior nutrimento sia in tessuti più esterni sia più profondi, avvantaggiando lo stato di salute.

IL MASSAGGIO PLANTORIFLESSOGENO®

È una tecnica fondamentale per affrontare tutte le manifestazioni del corpo con un approccio riflessologico ispirato al riequilibrio della naturale vitalità dell’essere. Lo scopo dell’intervento in riflessologia è lo stimolo delle risorse proprie del metabolismo affinché possa innescarsi quel processo di auto-regolazione interna che, se alterato, da origine ad eventuali somatizzazioni.

LA TECNICA CRANIOSACRALE

Il grado più sottile di percezione della fascia e di intervento su di essa per influenzarne positivamente le dinamiche che si sono alterate è rappresentato dalla tecnica craniosacrale. Si tratta senza dubbio di una tecnica che richiede una profonda fiducia nella propria sensibilità e sfugge alla normale concezione di massaggio. Con il contatto il rapporto operatore utente cambia verso ed è la persona trattata a “prendere” dalle mani del massaggiatore ciò di cui ha bisogno.

Rispondi